Nove dolci ungheresi da non perdere

La pasticceria ungherese è tra le più rinomate al mondo, capace di abbinare le influenze austriache (della sacher e del cioccolato per intenderci) a una grande dose di creatività e innovatività propria dell’Ungheria. Ecco una lista, non completa, dei dolci che secondo noi dovreste provare durante il vostro viaggio!

  1. Kürtőskalács: ormai diventato famosissimo in tutta Italia, il camin dolce, originario dalla Transilvania si può trovare spesso anche nelle fiere gastronomiche della penisola. Una ricetta semplicissima, le cui prime tracce risalgono al XVIII° secolo nelle regioni abitate dai Siculi di Transilvania. E’ un dolce da street food, ovvero lo trovate nei chioschetti lungo la strada.maxresdefault_8
  2. Dobos Torta: la torta ungherese per antonomasia. Buonissima e anche ricchissima di calorie come molte cose sulla tavola ungherese. Inventata nel 1884 dallo chef Dobos. Composta da 6 strati di pan di spagna su cui è spalmata una crema di cioccolata e burro. Il tetto è caramellato.photo
  3. Zserbó: dolce nato dall’invenzione di Emil Gerbeaud, pasticcere la cui caffetteria è ancora tra le più rinomate di Budapest. Il dolce fatto a strati di pasta frolla farciti da marmellata di albicocche, noci e cioccolato.20101204karacsony12
  4. Somlói Galuska: forse il dolce più amato dagli ungheresi. Inventato nel ristorante Gundel negli anni ’50. Pan di spagna, crema di vaniglia, imbevuta di cioccolata liquida e cosparsa di panna montata. Una vera bomba!122212_somloi-gundel00-201510171428
  5. Palacsinta: le tradizionali crepe ungheresi. Le potete trovare imbevute di marmellata, cioccolata, noci. O ancora alla Gundel con cioccolata, noci e panna montata, tutto insieme!palacsinta-1-of-1-3-1080x692
  6. Flódni: il dolce tradizionale della comunità ebraica ungherese. Le potete assaggiare durante il nostro tour del quartiere ebraico. Ha tre strati: noci, papavero, mela.flodni
  7. Rákóczi túrós: dalla base di pastafrolla si erge una montagna di ricotta dolce ungherese (diversa da quella italiana), uno strato di marmellata e il tetto meringato. Un insieme di gusti unico, inventato ad inizio del ‘900 da uno dei più famosi cuochi ungheresi, Rákóczi per l’appunto.Rákóczi túrós
  8. Beigli (o Mákoskalács): il dolce tradizionale del Natale ungherese. Una pasta arrotolata dalla crema di papavero. Un sapore forte e gustoso diverso dai dolci italiani. Lo si può trovare anche nella versione alle noci.makoskalacs-1
  9. Torta Eszterházy: a differenza delle altre torte il nome non viene dall’inventore ma dal conte che più di ogni altra persone apprezzava questo dolce. Dolce nato durante gli anni della duplice monarchia e ancora oggi uno dei più rinomati in terra ungherese. Oggigiorno esistono differenti varianti, tutte buonissime. La ricetta tradizionale prevede crema di burro e pasta fatta con le noci1280px-Café_Schwarzenberg_P1210923

Un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...